Home » Argomento del mese » APRE SPORTELLO PER LA FIBROMIALGIA - PIA ZIRPOLO REFERENTE LOMBARDIA AIRA ONLUS

APRE SPORTELLO PER LA FIBROMIALGIA - PIA ZIRPOLO REFERENTE LOMBARDIA AIRA ONLUS

APRE SPORTELLO PER LA FIBROMIALGIA - PIA ZIRPOLO REFERENTE LOMBARDIA AIRA ONLUS - MALATTIE REUMATICHE

Mi chiamo Pia Zirpolo, nata il 30/11/1960 a Metz (Francia) attualmente residente a Lodi, sono affetta da una malattia autoimmune "invisibile per chi non ne soffre" e di parecchie altre patologie. Ho avuto 30 Polmoniti e 29 Varicelle in due anni - un record praticamente. La fibromialgia è una bestia, ti uccide tutti gli organi, ho perso un occhio per una maculopatia retinica e sto perdendo anche l’altro, soffro di ipertensione e grazie a lei sono in ipotiroidismo, accuso fortissimi dolori 24 ore su 24 che variano di giorno in giorno ed anche di ora in ora; é qualcosa che non posso prevedere.

Purtroppo, nel mio vocabolario non esiste più la parola domani! Vorrei farvi capire che devo ancora imparare ad accettare il mio corpo con i suoi limiti e non è facile. Non vi è una cura per la fibromialgia ma cerco di alleviare i sintomi ogni giorno con mille farmaci - uso anche la Morfina e ben altro (oggi faccio uso anche di Metrotrexate, un chemioterapico che mi inietto nella gamba ogni sabato e che mi porta disturbi, quali vomito, nausea e perdita dei capelli). Non ho chiesto di avere questo male che mi succhia il midollo ogni giorno, che mi tormenta di giorno e di notte, che mi impedisce di uscire di casa, di lavorare o semplicemente di andare a mangiare una pizza con gli amici. A volte per due o più giorni consecutivi non sono in grado neanche di alzarmi dal letto a causa dei forti dolori e dell’enorme stanchezza.

CERCO DI SOPRAVVIVERE A DEI DOLORI COSTANTI OGNI SINGOLO MOMENTO e non è facile. Certe persone credono che non sia possibile che IO STIA così male perché ai loro occhi il dolore non si vede. Non si vede ma c’è, mi creda, io il dolore di questa rara patologia cronica lo percepisco, per colpa sua ho dovuto persino smettere di lavorare. Sono un’invalida anche se la mia malattia non è riconosciuta come malattia invalidante e di conseguenza non ho una pensione; godo invece di una pensione per inabilità lavorativa. Io non vivo ma sopravvivo lottando contro i mulini al vento e delle cose che possono sembrare facili da fare possono non esserlo. Non necessariamente qualcosa che sono in grado di fare il giorno prima lo posso rifare il giorno dopo - ad esempio rifare il letto. Ultimamente non ci riesco più, non apro nemmeno le persiane, vivo al buio in una camera da letto da sola con due gatti che mi fanno compagnia e sono diventati testimoni del mio dolore fisico e morale. A volte mi deprimo, ma chi non lo farebbe con un dolore cosi forte e costante? Non è facile parlare della mia malattia e del mio dolore. Eppure, se dopo 7 anni di QUESTA MALATTIA sono qui a scrivere di convivenza con la stessa, vuol dire che su questa avventura che mi è capitata di vivere è possibile gettare uno sguardo diverso.

Vuol dire che, tra le righe incise quotidianamente dal dolore, esistono spazi di libertà che ciascuno può imparare a riempire di sentimenti, emozioni, sensazioni sottili, azioni imprevedibili. C'è un'altra storia, parallela a quella della sofferenza, che può riscattare una vita altrimenti invivibile. Perché la convivenza tra noi, quell'altra parte di noi che è la malattia e, da non dimenticare ciò che sta intorno a noi, è tremendamente difficile ma possibile e soprattutto necessaria. È come in una di quelle famiglie un po' speciali nelle quali ciascuno ha una personalità forte e libera: ciascuno ha bisogno dei suoi spazi e dei suoi tempi, e capita che si prendano strade diverse e contrastanti, succede che ci siano incomprensioni, distacchi, separazioni. Ma alla fine ci si ritrova, ci si riscopre, ci si ricongiunge quando, di fondo ci sono rispetto e amore. Il mio desiderio di apparire una donna normale non esiste più, ma nelle brevi pause che la malattia mi ha concesso (ora di pause non ne ho più), ho preso a piene mani tutto quello che ho potuto.

Nei periodi di tregua ho vissuto 10 minuti di una vita normale, non sapendo che l’indesiderata compagna continuava a lavorare nell'ombra. Ho vissuto, ogni istante di quella vita piena, ha corroso le mia vita, ogni nuova esperienza ha rinvigorito il mio carattere e dato senso all'esistenza. Avrei potuto fare altrimenti? Non voglio suicidarmi, non voglio sopravvivere ma vivere fino alla fine, ne ho il diritto.. Essendo una malattia non riconosciuta dobbiamo pagare tutto. L'idea che a 56 anni ci si dovrebbe lavare e vestire da soli, si dovrebbe assaporare il piacere di affettare il pane o di sbucciare la frutta, si dovrebbe poter godere della libertà di uscire di casa senza farne domanda in carta bollata. C'è da imparare a convivere con tutto questo perché la malattia è tutto questo, non solo dolore fisico, pillole colorate e terapie innovative. La malattia è anche tutto quel dolore in più che l'ignoranza nostra e di chi ci sta intorno, contribuiscono a determinare. Per imparare a riconoscere accettare e curare amorevolmente la nostra ferita ci vuole tempo. A me ne è servito parecchio per accettare di sentirmi classificata come “handicappata-disabile” o diversamente abile che dir si voglia-invalida più o meno grave-inabile al lavoro - per imparare a dire grazie di questi riconoscimenti, un grazie a denti stretti per le medaglie al valore via via conquistate sul campo, per imparare a capire che gli altri possono non capire un bel niente di tutta questa nostra sofferenza, di questo indurirsi del carattere che loro chiamano di volta in volta coraggio o ingratitudine, ma che non è altro che una seconda pelle, spessa e coriacea, che va a ricoprire ferite sempre nuove. Bisogna imparare a ritrovare dentro di noi, nel profondo, quel che resta della nostra tenerezza, della nostra inventiva, della fantasia e del sogno. Si procede per tentativi ed errori, si fanno piccoli passi avanti, qualcuno indietro comincia piano piano ad accogliere un corpo che ormai anch'essa lo ha capito, non è più così sano. È un corpo limitato come lo sono i corpi umani per loro natura: alcuni di più, altri di meno, alcuni prima, altri dopo. Accogliere questi limiti, farne un punto di forza per ripartire ogni volta, per scoprire e mettere in moto le infinite potenzialità della mente, stare al loro interno da protagonisti riempiendo di vita ogni spazio libero: c'è da imparare da tutto questo ed è dura. E sarebbe meno dura se le persone intorno a noi ci dessero una mano, se si fermassero ad ascoltare i nostri silenzi, a condividere un po' della nostra obbligata immobilità fisica e del fermento interiore.

Ma è raro che accada perché, mentre per noi è vitale apprendere modalità sempre nuove del vivere e del concepire la vita, l'apprendimento degli altri non è sempre necessario, a loro.. Siete i ben accetti nel mio mondo dove la follia diviene quotidianità, dove la mattina ci si sveglia col sorriso e si fanno i conti di ciò che ti fa male e si sorride al mondo, dove non si può lavorare perché il nostro lavoro ora è affrontare gli ostacoli, dove quasi sempre timbriamo il cartellino in ospedale per fare il mestiere più duro: il paziente. Dove vivere diviene la priorità, dove si fa amicizia con qualcuno che casualmente è inciampato nello stesso percorso e si comprende come la vita è fatta di cose povere e umili, dove si trova sempre un assoluto equilibrio, un senso di pace e di gratitudine verso una condizione che meno lo meriterebbe.

Ecco questa è la mia sopravvivenza

Assurda se si pensa che ci sono, invece persone che abusano dei loro diritti fingendo di essere ammalate. Personalmente, ho subito una serie infinita di umiliazioni, e al di là dei dolori fisici che con grande volontà ho sopportato e sopporto. Oggi mi rendo conto di quanto la medicina tradizionale sia volta spesso a curare solo gli effetti, e quanta poca attenzione si dia al malato che in venti minuti deve raccontare tutto il suo excursus e ricevere la diagnosi, quanta aria di superiorità ci sia nell'approccio con il paziente, quanto poco tempo si dedichi all'interpretazione dei sintomi e quanto facile sia la prescrizione dei farmaci senza spiegare a cosa il paziente potrebbe andare incontro e quanto sia facile prescriverli senza aver accertato un vero e proprio disturbo. Io devo ringraziare il mio Medico di famiglia, il mio reumatologo, Dr Orazio De Lucia. la mia Amica Cristina Vercellone (giornalista del Cittadino di Lodi) e al Dr. Francesco D'Agostino, che mi hanno ascoltato e mi hanno capita. Ecco, questa sono io, nella mia quotidianità e spero che si apra uno spiraglio per tutti e mi auguro che un giorno queste rare malattie possano essere riconosciute a beneficio delle altre persone affette da diverse defaillance fisiche. Vi ringrazio per aver letto la mia lettera, un abbraccio a tutte/i e non mollate mai..

Pia Zirpolo.

Referente Lombardia A.I.R.A. O.n.l.u.s.

Sportello aperto Mercoledì dalle 09.00 alle 12.00

Presso Sede A.I.R.A. O.n.l.u.s. Lodi

Tel. 0371-432734

contatto rapido

contatto rapido - MALATTIE REUMATICHE

forum reum-amici

contatto rapido - MALATTIE REUMATICHE

SEZIONE A.I.R.A. CATANIA E SICILIA

contatto rapido - MALATTIE REUMATICHE

A.I.R.A. O.n.l.u.s. Facebook

contatto rapido - MALATTIE REUMATICHE

A.I.R.A. O.n.l.u.s. Twitter

Link

Link - MALATTIE REUMATICHE

CONVENZIONI A.I.R.A. O.n.l.u.s.

Link - MALATTIE REUMATICHE

Giornalino A.I.R.A. O.n.l.u.s. 2017

Link - MALATTIE REUMATICHE

CONTATORE QUOTA DISPONIBILE: Euro 7.500,00

Link - MALATTIE REUMATICHE

IL MEDICO RISPONDE

Link - MALATTIE REUMATICHE

A.I.R.A. O.n.l.u.s. aderisce a CnAMC