Home » Ultime dal web » ARTRITE REUMATOIDE, VIA LIBERA AL VACCINO ANTINFLUENZALE

ARTRITE REUMATOIDE, VIA LIBERA AL VACCINO ANTINFLUENZALE

Efficace e sicuro quello contro l'influenza stagionale. Riflessioni necessarie sull'adiuvante
MILANO - Via libera al vaccino antinfluenzale in chi soffre di artrite reumatoide: uno studio italiano dimostra che vaccinarsi non espone a rischi ed è efficace nel proteggere i pazienti dall'influenza, che in questi malati, come in tutte le persone con patologie croniche, può avere conseguenze spiacevoli.

EFFICACIA – «I nostri dati indicano chiaramente che il vaccino per l'influenza stagionale è sicuro per chi ha l'artrite reumatoide, anche se è in cura con biologici anti-TNF», dice Roberta La Rosa dell'Unità di Medicina 1 dell'Ospedale Sant'Andrea di Roma, che assieme a colleghi della sua clinica firma la ricerca, di prossima uscita sulla rivista Clinical Immunology. La sicurezza è uno degli elementi che più stanno a cuore ai medici, ma i risultati dello studio, condotto su 28 pazienti vaccinati per tre anni consecutivi, sono ottimi anche sul versante dell'efficacia. «Abbiamo visto che c'è una risposta anticorpale un po' inferiore rispetto ai soggetti sani, ma l'effetto protettivo c'è lo stesso, il vaccino è cioè perfettamente in grado di difendere i malati dall'influenza stagionale – racconta La Rosa –. Questo è molto importante, perché sappiamo che l'influenza può scatenare riacutizzazioni dell'artrite: prevenirla è perciò un vantaggio non di poco conto». Del resto, la risposta positiva alla vaccinazione non era così scontata: si temeva infatti che il blocco della produzione di citochine indotto dalla terapia col biologico potesse in qualche modo diminuire l'effetto del vaccino.

SICUREZZA – Non è così, e il vaccino si è anche dimostrato sicuro: «In caso di malattia autoimmune – riprende La Rosa – si è creduto per anni al comune pregiudizio che, trattandosi di pazienti con un'attività immunitaria “vivace”, l'uso del vaccino potesse in qualche modo danneggiarli risvegliando la patologia. Solo di recente si stanno accumulando prove simili a quelle raccolte attraverso la nostra esperienza, a dimostrazione che la vaccinazione non peggiora l'attività delle malattie autoimmuni. E finalmente c'è un'apertura nei confronti dell'uso dei vaccini antinfluenzali anche in questi pazienti». I ricercatori romani hanno impiegato un vaccino senza adiuvante, ovvero senza sostanze che potenzino la risposta dell'organismo rendendo più efficace l'effetto di protezione dal virus. «Inoltre, abbiamo scelto pazienti con artrite reumatoide stabile, ben controllata dalla terapia. In questi casi il vaccino non ha controindicazioni e può essere somministrato tranquillamente. Magari scegliendo prodotti senza adiuvante».

NUOVA INFLUENZA – Il punto interrogativo dell'adiuvante «pesa» quando si passa a considerare il vaccino contro la nuova influenza: «Negli Stati Uniti hanno optato per il vaccino senza adiuvante: sono in ritardo con la produzione, perché ovviamente un prodotto simile richiede una maggior concentrazione di antigeni e quindi più tempo per ottenerne quantità ragguardevoli – spiega la ricercatrice –. Da noi invece è stato prodotto il vaccino con l'adiuvante, per cui i nostri risultati sull'antinfluenzale stagionale non sono immediatamente applicabili a quello contro la nuova influenza, per il quale la variabile-adiuvante esiste. Detto questo, i pazienti con artrite reumatoide sono una categoria a rischio e come tali sono soggetti per cui la vaccinazione contro H1N1 è raccomandata». La Società Italiana di Reumatologia ha da poco stilato una serie di consigli in merito sottolineando l'opportunità di entrambe le vaccinazioni nei pazienti con patologie reumatiche infiammatorie, che sono da considerare alla stregua degli altri malati cronici. Unica raccomandazione degli esperti, lasciar passare almeno 15 giorni fra una vaccinazione e l'altra: prima il vaccino stagionale, poi quello contro la nuova influenza. Per qualsiasi informazione supplementare sulle vaccinazioni, si può chiamare il numero verde 1500 o visitare il sito del Ministero della Salute.

Elena Meli
28 ottobre 2009

da "Corriere Salute"

contatto rapido

contatto rapido - MALATTIE REUMATICHE

forum reum-amici

contatto rapido - MALATTIE REUMATICHE

SEZIONE A.I.R.A. CATANIA E SICILIA

contatto rapido - MALATTIE REUMATICHE

A.I.R.A. O.n.l.u.s. Facebook

contatto rapido - MALATTIE REUMATICHE

A.I.R.A. O.n.l.u.s. Twitter

Link

Link - MALATTIE REUMATICHE

CONVENZIONI A.I.R.A. O.n.l.u.s.

Link - MALATTIE REUMATICHE

Giornalino A.I.R.A. O.n.l.u.s. 2017

Link - MALATTIE REUMATICHE

CONTATORE QUOTA DISPONIBILE: Euro 7.500,00

Link - MALATTIE REUMATICHE

IL MEDICO RISPONDE

Link - MALATTIE REUMATICHE

A.I.R.A. O.n.l.u.s. aderisce a CnAMC