Home » Ultime dal web » CARDARELLI: CHIUDE IL REPARTO DI TERAPIA DEL DOLORE

CARDARELLI: CHIUDE IL REPARTO DI TERAPIA DEL DOLORE

CARDARELLI: CHIUDE IL REPARTO DI TERAPIA DEL DOLORE - MALATTIE REUMATICHE

Il primario va in pensione e il suo reparto del Cardarelli (cure palliative e terapia del dolore), sarà soppresso. Eppure è l'unico del genere in una regione priva di strutture dedicate, soprattutto a pazienti oncologici in fase terminale. Le sole attive, che peraltro non rispondono a pieno alle esigenze di una fascia di malati particolarmente delicata, lavorano in convenzione pubblico-privato. E così, Vincenzo Montrone, anestesista e terapeuta del dolore, oggi accusa. La sua crociata è partita una settimana fa con un appello lanciato sul sito change.org. "Sono deluso, amareggiato, vedo l'immensa miopia della politica, il clientelismo - si legge nel documento - e adesso vedo svanire il sogno per cui 40 anni fa, da pioniere, mi battevo per far nascere questa disciplina".

L'avvisaglia data il 21 giugno, il giorno in cui la dirigenza del Cardarelli invia alla Regione il Piano di riordino in cui si cancella la Terapia del dolore. In particolare, la proposta è di abolire i posti letto per i pazienti affetti da patologia algica tumorale e di sostituirli con un ambulatorio. Nel dipartimento anestesiologico e non più come è stato finora nel dipartimento Onco-ematologico.

E adesso? È Montrone a illustrare il possibile scenario post-chiusura: "Tutti i malati che arriveranno in fase terminale e ricoverati nelle varie divisioni, saranno inviati, come accadeva molti anni fa, nel dipartimento di emergenza (rianimazione, terapia intensiva, medicina di urgenza) determinando ricoveri impropri e una morte priva di umanità. Tra le conseguenze negative anche il fatto che questi ricoveri sottrarranno posti letto, negando a loro volta una speranza di salvezza ad altri pazienti. Se non sottoponendosi ai vergognosi trasferimenti in elicottero".
La Terapia del dolore del Cardarelli è stata la prima del centro-sud (1977), e l'attivazione dei posti letto ha permesso di raggiungere obiettivi che vanno al di là della pur fondamentale assistenza.

In primis, il risparmio notevole che, sottolinea Montrone, è stato valutato in circa quattro milioni e 800 mila euro annui: "Prima dell'attivazione dei posti letto, il costo per malati oncologici terminali era lievitato dai quasi quattro milioni del 2005 ai sei e mezzo del 2009. In seguito, siamo scesi a un milione e 700 mila nel 2012".

E poi, c'è la "dimissione protetta" adottata per i pazienti oncologici secondo cui i malati dimessi vengono seguito al proprio domicilio. La palla passa ora alla Regione. "Dovrebbe identificare la "Rete di cure palliative" - conclude Montrone -, ma quasi certamente saremo cancellati anche da questa. Il piano sanitario non ha previsto nulla nelle strutture ospedaliere, mentre vorrebbe concentrare tutto sul territorio, carente e di pessima qualità".

Luglio 2016

contatto rapido

contatto rapido - MALATTIE REUMATICHE

forum reum-amici

contatto rapido - MALATTIE REUMATICHE

SEZIONE A.I.R.A. CATANIA E SICILIA

contatto rapido - MALATTIE REUMATICHE

A.I.R.A. O.n.l.u.s. Facebook

contatto rapido - MALATTIE REUMATICHE

A.I.R.A. O.n.l.u.s. Twitter

Link

Link - MALATTIE REUMATICHE

CONVENZIONI A.I.R.A. O.n.l.u.s.

Link - MALATTIE REUMATICHE

Giornalino A.I.R.A. O.n.l.u.s. 2017

Link - MALATTIE REUMATICHE

CONTATORE QUOTA DISPONIBILE: Euro 7.500,00

Link - MALATTIE REUMATICHE

IL MEDICO RISPONDE

Link - MALATTIE REUMATICHE

A.I.R.A. O.n.l.u.s. aderisce a CnAMC