MALATTIE REUMATICHE ASSOCIAZIONE ITALIANA REUM AMICI presenta: L'Artrite Reumatoide e le Malattie Reumatiche
Home » Diritti del malato » ICRIC: AL MINISTERO DELLA SALUTE IL COMUNICARE ALL'INPS LO STATO DEL RICOVERO

Diritti del malato

ICRIC: AL MINISTERO DELLA SALUTE IL COMUNICARE ALL'INPS LO STATO DEL RICOVERO

ICRIC: AL MINISTERO DELLA SALUTE IL COMUNICARE ALL'INPS LO STATO DEL RICOVERO - MALATTIE REUMATICHE

Lo scorso 8 marzo l’INPS ha comunicato una importante novità che interessa le persone che ogni anno sono tenute a presentare il modello ICRIC,  (Modello Invalidità Civile Ricovero) ovvero i titolari di indennità di accompagnamento, indennità di frequenza, assegno sociale e assegno sociale sostitutivo di invalidità civile.

 

LA CONVENZIONE 

Si tratta di una convenzione tra il Ministero della Salute e l’Istituto Nazionale Previdenza Sociale grazie alla quale l’Inps acquisirà le informazioni in possesso del Ministero della Salute sullo stato di ricovero, allo scopo di operare la verifica del diritto delle prestazioni nei confronti dei soggetti che non presentano la prevista dichiarazione di responsabilità e il controllo di veridicità delle dichiarazioni o certificazioni presentate.

PERCHE’ SI PRESENTA IL MODELLO ICRIC 

Ricordiamo che la presentazione del modello ICRIC è infatti obbligatoria per i titolari delle prestazioni sopracitate, poiché il ricovero in strutture con oneri a carico del SSN (di durata superiore a 29 giorni), implica la sospensione o la riduzione di alcune prestazioni erogate dall’Istituto.

COSA CAMBIA 

Con questa nova convenzione le informazioni relative a ricoveri gratuiti - che attualmente sono trasmesse dagli utenti all’INPS tramite la presentazione del Modello Invalidità Civile Ricovero (ICRIC) - saranno inviate direttamente dal Ministero della Salute all’Istituto. Questo per  titolari  di indennità  di  accompagnamento,  indennità  di  frequenza,  assegno  sociale  e  assegno sociale sostitutivo di invalidità civile. 

MENO ONERI E PIU’ RISPARMI 

Si tratta di una importante novità, che si pone come obiettivi quelli di ridurre gli adempimenti per i cittadini, e inoltre consentirà all’Inps di risparmiare fino a 9 milioni all’anno, attualmente spesi per il servizio offerto dai CAF in relazione alla presentazione dei moduli ICRIC. La semplificazione consentita dal protocollo, inoltre, faciliterà l’Istituto nel contrasto agli abusi, fa sapere l’Istituto.

 

Tratto da DISABILI.COM

Privacy Policy