Home » Ultime dal web » IL 26 GENNAIO 2011

IL 26 GENNAIO 2011

GIORNATA DELL'ARTROSI ALLE MANI: VISITE GRATUITE
Il 26 gennaio 2011 è in programma la Prima Giornata Nazionale dell’Artrosi alle Mani. L’iniziativa è promossa dall’Associazione GICAM, Gruppo Italiano Chirurghi Amici della Mano in collaborazione con l’IICM, Istituto Italiano Chirurgia della Mano di Monza, il centro di eccellenza diretto dal professor Marco Lanzetta, il chirurgo noto a livello internazionale per aver partecipato all’esecuzione del primo trapianto di mano al mondo.
Prevede la possibilità, chiamando il numero 039.2324219, di prenotare un consulto gratuito con gli specialisti dei quattro centri che partecipano a questa Campagna di informazione e sensibilizzazione. Si tratta di un’occasione importante per conoscere le nuove ed efficaci cure disponibili per la cura dell’artrosi alle mani.
“L’approccio più innovativo che utilizziamo” – spiega proprio il professor Marco Lanzetta – “prevede una serie di applicazioni di un farmaco-gel sulle articolazioni colpite. Utilizzando delle sorgenti di energia il farmaco viene diffuso in profondità, in corrispondenza dei tessuti malati. Si tratta di una tecnica assolutamente indolore che ci permette di trattare con successo oltre il 50% dei pazienti portatori di artrosi sia sul piano del dolore che del recupero della malattia. In questo modo il paziente può beneficiare di un dosaggio di medicinali antinfiammatori centinaia di volte superiore a quello che assumerebbe per via orale o con un’iniezione senza subirne gli effetti collaterali, proprio perché il farmaco non viene assorbito dal sangue ma direttamente dalle cartilagini. La microchirurgia artroscopica, poi, ha compiuto importanti progressi in questo ambito. Oggi, infatti, è possibile rimodellare le dita deformate attraverso l’uso di sonde artroscopiche, di diametro di circa un millimetro,che permettono di lavorare all’interno delle articolazioni malate”.
E’ possibile, inoltre, somministrare al paziente alcune terapie a base di integratori antiossidanti e antagonisti degli squilibri degli acidi grassi che combattono, tra le altre cose, gli attacchi dei radicali liberi colpevoli di usurare e danneggiare i tessuti e le cartilagini. “E’ possibile anche ricorrere all’uso delle cellule staminali” – prosegue lo specialista – “che possono essere iniettate nell’area danneggiata ed indotte, con adeguati fattori di crescita, a trasformarsi in nuove cartilagini. E’ però necessario precisare che ogni caso è diverso dall’altro. La scelta di quale terapia possa essere più adatta per un paziente dipende dalla gravità e dall’estensione dell’artrosi e dalle esigenze quotidiane di ogni individuo”.
 

contatto rapido

contatto rapido - MALATTIE REUMATICHE

forum reum-amici

contatto rapido - MALATTIE REUMATICHE

SEZIONE A.I.R.A. CATANIA E SICILIA

contatto rapido - MALATTIE REUMATICHE

A.I.R.A. O.n.l.u.s. Facebook

contatto rapido - MALATTIE REUMATICHE

A.I.R.A. O.n.l.u.s. Twitter

Link

Link - MALATTIE REUMATICHE

CONVENZIONI A.I.R.A. O.n.l.u.s.

Link - MALATTIE REUMATICHE

Giornalino A.I.R.A. O.n.l.u.s. 2017

Link - MALATTIE REUMATICHE

CONTATORE QUOTA DISPONIBILE: Euro 7.500,00

Link - MALATTIE REUMATICHE

IL MEDICO RISPONDE

Link - MALATTIE REUMATICHE

A.I.R.A. O.n.l.u.s. aderisce a CnAMC