Home » Ultime dal web » MICOPLASMI - SUBDOLI AGENTI PATOGENI

MICOPLASMI - SUBDOLI AGENTI PATOGENI

I micoplasmi sono una particolare e unica specie di batteri, il piy piccolo organismo libero vivente conosciuto sulla Terra. Una delle principali differenze tra i micoplasmi e gli altri batteri consiste nel fatto che, mentre questi ultimi hanno una solida struttura della parete cellulare e possono crescere nel piy semplice mezzo di coltura, i micoplasmi invece non hanno una parete cellulare e, come una minuscola medusa con una membrana flessibile, possono assumere diverse forme che li rendono difficili da identificare. I micoplasmi possono anche essere difficili da coltivare in laboratorio e spesso per questa ragione possono non essere riconosciuti come causa patogena di malattie.
 
La scelta del nome deriva dal fatto che i micoplasmi hanno una struttura simile al fungo (la micologia h lo studio dei funghi, quindi"mico") ed ha una struttura simile a plasma fluido senza parete cellulare, quindi "plasma". La prima specie fu isolata da un bovino con artrite e pleuro-polmonite nel 1898 al Pasteur Institute. La prima specie umana fu isolata nel 1932. Il primo collegamento fra micoplasmi e malattie reumatiche fu fatto nel 1939 dai dr. Swift e Brown. Purtroppo lo studio dei micoplasmi non h stato compreso nei programmi delle scuole mediche fino alla fine degli anni "50 quando una specie fu identificata e provata essere la causa di polmonite atipica e denominata Mycoplasma pneumonia. L' associazione fra immunodeficienza e le malattie autoimmuni con i micoplasmi fu registrata per la prima volta negli anni '70 in pazienti con ipogammaglobulinemia primaria (una malattia autoimmune) e con infezioni da quattro specie di micoplasma localizzate nei tessuti articolari. Da quella volta sono stati fatti significativi progressi tecnologici assieme a nuovi metodi di analisi per identificare e registrare la presenza di micoplasmi negli esseri umani, negli animali e persino nelle piante.
 
Mentre il mycoplasma pneumonia non h sicuramente l'unica specie che causa malattie negli esseri umani h un buon esempio di come questa specie di patogeno possa muoversi liberamente fuori dal proprio ambiente e diffondersi anche in altre parti del corpo provocando altre malattie. Comunque, anche il solo permanere nell'appartato respiratorio da parte di questo tipo di micoplasma rimane un'importante causa di altre serie patologie oltre la polmonite, quali tracheobronchiti, faringiti e asma. Quando questo patogeno si sposta anche in altre parti del corpo, viene associato a diverse forme di manifestazioni non polmonari quali patologie a carico del sistema nervoso centrale, fegato, pancreas, sangue, pelle e articolazioni. Gi` nel 1983, i medici della Yale University osservarono:
"Durante gli ultimi 20 anni h aumentato il numero di casi di sintomi extrapolmonari durante la malattia causata dal Mycoplasma pneumoniae. I dati clinici ed epidemiologici indicano che anche disturbi a pelle e mucose, al sistema nervoso centrale, al cuore e forse ad altri organi, sono manifestazioni abbastanza frequenti dovute al Mycoplasma pneumoniae."
Questa unica specie di agente patogeno h stata scoperta nel tratto urogenitale di pazienti con malattia infiammatoria pelvica, uretiti e altri disturbi delle vie urinarie. E' stato scoperto nel tessuto e fluido cardiaco di pazienti con cardite, pericardite, tachicardia, anemia, anemia emolitica e altre malattie coronariche. E' stato trovato nel fluido cerebrospinale di pazienti con meningite ed encefalite, morbo di Alzheimer, SLA e altre infezioni, malattie e disturbi del sistema nervoso centrale. E' stato regolarmente trovato nel midollo osseo di bambini con leucemia. E' sorprendente che un singolo minuscolo batterio possa causare cosl tante e apparentemente diverse malattie negli esseri umani ma, come tutte le specie di micoplasmi, la malattia h relativa a dove il micoplasma si trova nel corpo e quali cellule abbia attaccato o invaso.
Ad oggi sono state registrate oltre 100 specie documentate di micoplasma che hanno provocato varie malattie negli esseri umani, negli animali e nelle piante. Anche il mycoplasma pneumoniae e altre sette specie di micoplasma sono state riconnosciute come causa diretta o importanti co-fattori di molte malattie croniche incluse artrite reumatoide, morbo di Alzheimer, sclerosi multipla, fibromialgia, fatica cronica, diabete, morbo di Crohn, SLA (sclerosi laterale amiotrofica), uretite non gonococcica, asma, lupus, sterilit`, AIDS, alcuni tipi di cancro e leucemia, giusto per nominarne alcune. Nel 1997, il National Center for Infectious Diseases, il Centers for Disease Control and Prevention's, Emerging infectious Diseases, ha pubblicato l'articolo a cura dei dr. Baseman e Tully : Mycoplasmas: Sophisticated, Reemerging, and Burneded by Theyr Notoriety, nel quale si afferma:
“Ciononostante , i micoplasmi da soli possono provocare malattie croniche e acute in diverse parti dell'organismo con un ampio numero di complicazioni e sono stati coinvolti come co-fattori della malattia. Recentemente i micoplasmi sono stati indicati come co-fattori della patogenesi dell'AIDS, alle trasformazioni maligne e all'aberrazione cromosomica, alla sindrome della Guerra del Golfo e altre malattie complesse e inspiegabili, compresa la sindrome da fatica cronica, il morbo di Crohn e vari tipi di artrite."
I micoplasmi, diversamente dai virus, possono crescere nei liquidi (fluidi) tissutali (sangue, fluidi di articolazioni, cuore, del torace e spinali) e all'interno di qualsiasi tessuto vivente senza distruggere le cellule, come fanno la maggior parte dei normali virus e batteri. I micoplasmi si trovano frequentemente nel tratto orale o genito-urinario di persone normalmente sane e infettano le donne quattro volte piy spesso degli uomini, che h anche lo stesso tasso di incidenza di malattie quali artrite reumatoide, fibromialgia, sindrome da fatica cronica e altre.
I micoplasmi sono di natura parassita e possono attaccarsi a cellule specifiche senza distruggerle; in questo modo il loro processo infettivo riesce a svilupparsi senza essere individuato. In alcune persone l'attacco dei micoplasmi alle cellule ospite agisce come un aculeo vivente, una continua presenza di una sostanza estranea che provoca l'azione combattente del meccanismo immunitario. Questo tipo di infiammazione allergica spesso risulta in tessuti infiammati, gonfi e doloranti, come nel caso dell'artrite reumatoide, fibromialgia e molte altre malattie autoimmuni come anche il lupus e la sclerosi multipla. I questi casi il sistema immunitario inizia ad attaccare i propri tessuti e/o le cellule apparentemente sane. Alcune specie di micoplasma hanno anche l'unica capacit` di sfuggire completamente agli attacchi del sistema immunitario. Una volta che questi si attaccano ad una cellula ospite, il loro plasma e lo strato proteinico possono apparire come la parete della cellula ospite e quindi il sistema immunitario non riesce a riconoscere i micoplasmi dalle cellule del proprio corpo .
I micoplasmi sono in natura parassiti anche perchi fanno affidamento sui nutrienti che trovano nelle cellule ospite, incluso il colesterolo, gli amminoacidi, gli acidi grassi e persino il DNA. Essi prosperano specialmente in ambienti ricchi di colesterolo e di arginina.
I micoplasmi generalmente si possono trovare nella membrana mucosa dell'apparato respiratorio. Una volta attaccati ad una cellula ospite, questi iniziano a competere per i nutrienti all'interno della cellula. Come i nutrienti vengono consumati queste cellule possono iniziare il loro malfunzionamento o addirittura modificare il loro normale funzionamento, provocando reazioni a catena con altre cellule (specialmente quelle del sistema immunitario ed endocrino). I micoplasmi possono addrittura causare mutazioni del DNA e del RNA delle cellule ospite e per questa ragione sono stati collegati a certe forme di cancro. Possono anche invadere e sopravvivere all'interno delle cellule ospite che sfuggono al sistema immunitario, in particolare i globuli bianchi. Una volta all''interno di un globulo bianco, i micoplasmi possono viaggiare attraverso tutto l'organismo e persino attraversare la barriera ematoencefalica e dentro il sistema nervoso centrale e il fluido spinale.
 
 
naturmedica.com

contatto rapido

contatto rapido - MALATTIE REUMATICHE

forum reum-amici

contatto rapido - MALATTIE REUMATICHE

SEZIONE A.I.R.A. CATANIA E SICILIA

contatto rapido - MALATTIE REUMATICHE

A.I.R.A. O.n.l.u.s. Facebook

contatto rapido - MALATTIE REUMATICHE

A.I.R.A. O.n.l.u.s. Twitter

Link

Link - MALATTIE REUMATICHE

CONVENZIONI A.I.R.A. O.n.l.u.s.

Link - MALATTIE REUMATICHE

Giornalino A.I.R.A. O.n.l.u.s. 2017

Link - MALATTIE REUMATICHE

CONTATORE QUOTA DISPONIBILE: Euro 7.500,00

Link - MALATTIE REUMATICHE

IL MEDICO RISPONDE

Link - MALATTIE REUMATICHE

A.I.R.A. O.n.l.u.s. aderisce a CnAMC