Home » Ultime dal web » RIABILITAZIONE PRIMA DELLA PROTESI

RIABILITAZIONE PRIMA DELLA PROTESI

Un facile programma permette di arrivare meglio all'intervento.
MILANO - Chi pensa che la riabilitazione serva soltanto dopo un intervento al ginocchio si sbaglia: uno studio pilota pubblicato sul Journal of Strenght and Conditioning Research dimostra che un programma di esercizi specifici prima dell'operazione può migliorare la forza dei muscoli e la capacità di movimento, preparando meglio il paziente e garantendo una ripresa più completa dopo la sostituzione dell'articolazione.

STUDIO - I dati arrivano da 71 pazienti a cui doveva essere impiantata una protesi totale di ginocchio per colpa di un'artrosi grave che non rispondeva più ai farmaci. Quando le condizioni sono così compromesse in genere la forza muscolare della gamba è parecchio diminuita e questo, oltre a ridurre le capacità di movimento, aumenta anche il rischio di pericolose cadute. Ann Swank e Robert Topp, dell'Università della Louisiana, hanno suddiviso i pazienti in due gruppi: uno ha ricevuto le consuete cure preoperatorie, l'altro è stato sottoposto a un programma di pre-riabilitazione che consisteva in tre sedute settimanali di esercizi, a casa o in ambulatorio. Gli esercizi, iniziati dalle quattro alle otto settimane prima dell'intervento, consistevano in camminate leggere associate a semplici esercizi per migliorare la resistenza e la flessibilità muscolare. La forza dell'articolazione è stata valutata in entrambi i gruppi una settimana prima dell'operazione, quando sono stati anche condotti test standard per la valutazione delle performance funzionali.

MIGLIORAMENTO - Ebbene, la riabilitazione preoperatoria è riuscita a migliorare le condizioni dei pazienti: per esempio, è aumentata del 10 per cento la capacità di estensione della gamba e la forza muscolare. Ed è diminuito il dolore, che invece era diventato quasi insopportabile nei pazienti che non avevano seguito il programma di riabilitazione preoperatoria: le loro capacità funzionali, tra l'altro, avevano continuato a peggiorare. «Rafforzare la muscolatura della gamba del ginocchio che sarà sostituito è molto utile: abbiamo visto che la forza resta comunque inferiore a quella dell'altra gamba, ma riuscire a ridurre lo squilibrio fra i due arti è importante per avere una migliore capacità funzionale complessiva dopo - spiega la dottoressa Swank -. Non abbiamo valutato le differenze nel recupero post-operatorio, ma è verosimile che un miglioramento nelle performance prima della chirurgia comporti un risultato più soddisfacente: sappiamo infatti che il grado di funzionalità prima dell'intervento predice il grado di recupero delle capacità motorie dopo l'impianto di protesi». Gli autori spiegano che il programma di esercizi è molto semplice ed è stato pensato per essere seguito anche a casa; inoltre, sottolineano, è possibile che aiuti anche a contenere i costi correlati agli interventi al ginocchio, riducendo i giorni di ricovero post-intervento o le sedute di terapia fisica. Il messaggio più importante, in ogni caso, è chiaro: «Sappiamo che quanto meglio si arriva all'intervento, tanto migliori saranno i risultati in termini di recupero funzionale: per questo è opportuno lavorare per ottimizzare la funzionalità dell'articolazione per quanto possibile anche prima dell'operazione, e non aspettare l'intervento come fosse "liberatorio" senza far nulla per migliorare le proprie condizioni», concludono gli autori.

Elena Meli
12 giugno 2011
da "Corriere Salute"

contatto rapido

contatto rapido - MALATTIE REUMATICHE

forum reum-amici

contatto rapido - MALATTIE REUMATICHE

SEZIONE A.I.R.A. CATANIA E SICILIA

contatto rapido - MALATTIE REUMATICHE

A.I.R.A. O.n.l.u.s. Facebook

contatto rapido - MALATTIE REUMATICHE

A.I.R.A. O.n.l.u.s. Twitter

Link

Link - MALATTIE REUMATICHE

CONVENZIONI A.I.R.A. O.n.l.u.s.

Link - MALATTIE REUMATICHE

Giornalino A.I.R.A. O.n.l.u.s. 2017

Link - MALATTIE REUMATICHE

CONTATORE QUOTA DISPONIBILE: Euro 7.500,00

Link - MALATTIE REUMATICHE

IL MEDICO RISPONDE

Link - MALATTIE REUMATICHE

A.I.R.A. O.n.l.u.s. aderisce a CnAMC