Home » L'alimentazione nell'A.R. » TRATTO DAL LIBRO "CIBI CHE FANNO BENE E CIBI CHE FANNO MALE"

TRATTO DAL LIBRO "CIBI CHE FANNO BENE E CIBI CHE FANNO MALE"

TRATTO DAL LIBRO "CIBI CHE FANNO BENE E CIBI CHE FANNO MALE" - MALATTIE REUMATICHE

ALIMENTI CONSIGLIATI
Cereali integrali, frutta e verdura fresche, per combattere l'artrosi.
Soia, tofu, sardine, salmone e merluzzo se il problema è l'artrite reumatoide.
 
 
ALIMENTI DA LIMITARE
Alimenti molto raffinati, grassi saturi, zucchero e sale.
 
 
 
E' un'infiammazione che può colpire diverse articolazioni, ma che in realtà spesso coinvolge l'intero organismo, nel qual caso si tratta di patologie del sistema immunitario che si differenziano tra loro perché rientrano in diversi inquadramenti diagnostici, ma che si localizzano spesso ad articolazioni e muscoli. Le più comuni forme sono l'artrosi e l'artrite reumatoide. Gli individui affetti da artrosi dovrebbero impostare la loro dieta riducendo gli alimenti molto raffinati e trattati, i grassi saturi animali, lo zucchero e il sale, e aumentando la quantità di cereali integrali, frutta e verdura fresche. Un'alimentazione corretta, che elimini le eventuali intolleranze alimentari spesso presenti nelle artriti di tipo immunologico, migliora l'efficienza del sistema immunitario e fornisce un'energia qualitativamente superiore per combattere le malattie.
 
 
Il fattore peso
L'obesità aumenta il rischio di insorgenza dell'artrosi, per il peso eccessivo che grava sulle articolazioni; ginocchia, e anche, per esempio sono meno dolenti quando il peso da sostenere è minore. Alcuni esercizi moderati, come il nuoto, la bicicletta e le passeggiate, associati a una dieta corretta a basso contenuto di grassi possono contribuire a prevenirla o a diminuirne i sintomi se la patologia è già in atto. L'esercizio fisico, fatto con regolarità, ha una funzione essenziale nella prevenzione e nella cura di tutti i tipi di artrite: rinforza i muscoli che avvolgono e proteggono le articolazioni e contribuisce a prevenirne l'irrigidimento. Per trarne beneficio bisogna però rispettare i limiti imposti dal proprio fisico, evitando soprattutto di compiere sport troppo pesanti o forzati quando non si ha un appropriato allenamento.
 
 
Allergie o intolleranze
Le allergie e le intolleranze alimentari possono contribuire all'insorgenza dell'artrite reumatoide o peggiorarne i sintomi. Individuare gli alimenti responsabili attraverso appropriati test è essenziale. Gli alimenti più comunemente coinvolti di solito sono latticini, uova, cereali e in alcuni casi anche la soia. La riduzione di questi alimenti, secondo schemi dietetici precisi, attenua molti sintomi e permette un recupero di funzionalità e di movimento a volte molto significativo.
 
 
Olio di pesce
Alcune ricerche hanno dimostrato che l'olio di pesce può essere utile nella cura dell'artrite reumatoide, un'infiammazione delle articolazioni che provoca dolore, gonfiore, arrossamento e calore della parte interessata. Salmone, acciughe, aringhe, sgombri e sardine contengono grassi polinsaturi, definiti acidi grassi omega-3, che hanno un'azione antinfiammatoria sulle articolazioni. Le persone affette da artrite reumatoide dovrebbero mangiare pesce grasso fresco, due o tre volte la settimana, o, se preferiscono, assumere olio di pesce in capsule o in forma liquida (attenendosi comunque sempre rigorosamente alle dosi indicate).
Anche il pesce in scatola (tranne il tonno) contiene questi benefici acidi grassi omega-3, ma non in grandi quantità. I miglioramenti di solito si notano dopo due o tre mesi. Con il consumo regolare di olio di pesce si può ridurre, sotto controllo medico, l'assunzione di farmaci antinfiammatori, e di conseguenza il rischio dei loro effetti collaterali, fino a sospenderli o assumerli in posologia ridotta a cicli.
Anche l'olio di enagra (o enotera) ha effetti antinfiammatori ed è molto utile per coloro che non mangiano pesce. I vegetariani possono assumere acidi grassi omega-3 inserendo nella dieta soia e TOFU. Numerose ricerche hanno infatti messo in evidenza che una dieta vegetariana contribuisce ad alleviare alcuni dei sintomi dell'artrite reumatoide, sempre che non esistano accertate intolleranze alimentari ad alcuni dei prodotti più largamente assunti, tra i quali appunto la soia.
 
 
Braccialetti di rame
Molte persone affette da artrite reumatoide sostengono che indossare un braccialetto di rame riduce il dolore. In effetti il rame, di solito assieme ad argento e oro, viene prescritto per via orale da molti medici che utilizzano le medicine "dolci" (o naturali) per ridurre patologie infiammatorie dolorose dell'apparato osteoarticolare. Il contatto con il rame del braccialetto potrebbe favorire una sorta di "assorbimento" transcutaneo di rame.
 
 
Cause e sintomi
Si ritiene che l'artrosi sia una malattia degenerativa dovuta al logoramento o alla lesione della cartilagine di un'articolazione. La cartilagine rende levigata la superficie ossea, agevolando i movimenti senza produrre dolore. Quando questa è danneggiata o consumata, le ossa sfregano l'una contro l'altra causando dolore e rigidità.
L'artrite reumatoide è invece una malattia infiammatoria dovuta a diverse cause, non tutte note, in cui un processo autoimmune è responsabile dell'attacco alle articolazioni. E' una malattia progressiva che di solito interessa individui tra i 25 e 55 anni, inizia dalle articolazioni della mano e del piede e colpisce tre volte più le donne degli uomini, con alternanza di periodi di aggravamento e di remissione.
 
 
 
GLI ALIMENTI UTILI
Salmone: e altro pesce grasso forniscono gli acidi grassi omega-3. Da consumarsi almeno tre volte la settimana.
 
Ortaggi: forniscono beta-carotene, acido folico, ferro e vitamina C. Da mangiare crudi o appena scottati tutti i giorni.
 
Frutta: fornisce potassio, fibre e vitamina C. Da consumarsi almeno due volte al giorno.
 
Broccoli: ricchi di beta-carotene, vitamina C, acido folico e potassio. Appena scottati almeno una volta la settimana.
 
Carote: ottime fonti di beta-carotene. Crude o, meglio, cotte con la frequenza desiderata.
 
(da "Cibi che fanno bene cibi che fanno male - Grande guida dall'A alla Z per usare gli alimenti nel modo più sano, Selezione dal Reader's Digest)

contatto rapido

contatto rapido - MALATTIE REUMATICHE

forum reum-amici

contatto rapido - MALATTIE REUMATICHE

SEZIONE A.I.R.A. CATANIA E SICILIA

contatto rapido - MALATTIE REUMATICHE

A.I.R.A. O.n.l.u.s. Facebook

contatto rapido - MALATTIE REUMATICHE

A.I.R.A. O.n.l.u.s. Twitter

Link

Link - MALATTIE REUMATICHE

CONVENZIONI A.I.R.A. O.n.l.u.s.

Link - MALATTIE REUMATICHE

Giornalino A.I.R.A. O.n.l.u.s. 2017

Link - MALATTIE REUMATICHE

CONTATORE QUOTA DISPONIBILE: Euro 7.500,00

Link - MALATTIE REUMATICHE

IL MEDICO RISPONDE

Link - MALATTIE REUMATICHE

A.I.R.A. O.n.l.u.s. aderisce a CnAMC