Home » Argomento del mese » UN MARCATORE GENETICO PER L'ARTRITE REUMATOIDE

UN MARCATORE GENETICO PER L'ARTRITE REUMATOIDE

La mutazione è presente nel 28 per cento dei pazienti

Un team di ricercatori ha scoperto una variazione genetica che raddoppia il rischio di artrite reumatoide (AR). La mutazione, un polimorfismo di un singolo nucleotide (SNP), è presente in quasi il 28 per cento degli individui che soffrono della malattia ma solo nel 17 per cento della popolazione generale. La scoperta è il risultato di una collaborazione fra gli scienziati del North American Rheumatoid Arthritis Consortium (NARAC), guidato da Peter K. Gregersen del North Shore-Long Island Jewish Research Institute, della Celera Diagnostics e della Genomics Collaborative. Lo studio verrà pubblicato sul numero di agosto 2004 della rivista "American Journal of Human Genetics".

Anche se gli scienziati non conoscono ancora l'esatta causa dell'AR, sanno però che si tratta di una malattia autoimmune nella quale il normale sistema immunitario del corpo non funziona in modo appropriato e attacca i propri tessuti sani. Ciò provoca infiammazioni e conseguenti danni alle articolazioni.
Lo SNP associato all'AR si trova in un gene che codifica per un enzima (PTPN22) noto per essere coinvolto nel controllo dell'attivazione delle cellule T immunitarie. In condizioni normali, l'enzima agisce come "regolatore negativo", disattivando cioè una specifica molecola di segnalazione che a sua volta interrompe le linee di comunicazione e impedisce l'iperattività delle cellule immunitarie. Se i geni sono mutati, questa regolazione sembra essere inefficace e le cellule T rispondono in maniera esagerata, provocando infiammazioni e danni ai tessuti.


Questa scoperta ha del sensazionale, da anni ormai la ricerca è impegnata a scoprire il vero motivo scatenante di una patologia tanto grave quanto poco conosciuta. E' ben noto il meccanismo che porta alla distruzione articolare ma sino ad oggi si ignorava la vera causa.
Da anni i ricercatori e gli studiosi attribuiscono ad un insieme di fattori oltre ad una predisposizione dell'individuo ad ammalarsi di Artrite Reumatoide, ma questa scoperta apre nuove speranze che un giorno si trovi la cura definitiva che ponga fine a tanta sofferenza..
Lo studio del DNA, le biologie molecolari, l'ingegneria genetica stanno mutando il panorama della ricerca reumatologica, nuovi ritrovati si vanno ad affiancare ai nuovi farmaci biologici, (vedi i nuovi inibitori dell'Artrite, di cui si parlerà nel prossimo numero).

A cura di Stefano & Viviana.
Tratto da "Le scienze"

contatto rapido

contatto rapido - MALATTIE REUMATICHE

forum reum-amici

contatto rapido - MALATTIE REUMATICHE

SEZIONE A.I.R.A. CATANIA E SICILIA

contatto rapido - MALATTIE REUMATICHE

A.I.R.A. O.n.l.u.s. Facebook

contatto rapido - MALATTIE REUMATICHE

A.I.R.A. O.n.l.u.s. Twitter

Link

Link - MALATTIE REUMATICHE

CONVENZIONI A.I.R.A. O.n.l.u.s.

Link - MALATTIE REUMATICHE

Giornalino A.I.R.A. O.n.l.u.s. 2017

Link - MALATTIE REUMATICHE

CONTATORE QUOTA DISPONIBILE: Euro 7.500,00

Link - MALATTIE REUMATICHE

IL MEDICO RISPONDE

Link - MALATTIE REUMATICHE

A.I.R.A. O.n.l.u.s. aderisce a CnAMC