Home » Ultime dal web » YOGA TOCCASANA PER LA SCHIENA

YOGA TOCCASANA PER LA SCHIENA

La pratica di questa antica disciplina riduce il dolore e migliora la funzionalità della colonna vertebrale
MILANO - Se soffrite spesso di mal di schiena potreste trovare un valido alleato nello yoga. I suoi fan ne decantano da tempo gli effetti benefici per la colonna vertebrale (e non solo), ma solo ora arriva la conferma dal più ampio studio condotto fino ad ora sul tema. La ricerca, appena pubblicata sulla rivistaArchives of Internal Medicine, è stata condotta su più di 200 adulti afflitti cronicamente da un mal di schiena moderato, seguiti per sei mesi.

GLI EFFETTI DELLO YOGA – L’antica disciplina orientale si è rivelata in grado non solo di migliorare la funzionalità della schiena, ma anche di ridurre i dolori e il ricorso ai farmaci antidolorifici con benefici evidenti anche a lungo termine (sei mesi) in nove pazienti su dieci. A sorpresa gli effetti benefici dello yoga si sono rivelati per molti aspetti, simili a quelli ottenibili praticando lezioni di stretching. Gli autori dello studio sono giunti a queste conclusioni confrontando tre diversi approcci: ad alcuni pazienti è stato dato del materiale informativo per l’autogestione del mal di schiena (The back pain handbook), un altro gruppo ha seguito una lezione di yoga da 75 minuti a settimana per 12 settimane e il terzo gruppo ha seguito con le stesse modalità sessioni di stretching. Tutti i partecipanti sono stati inoltre incoraggiati a praticare in autonomia a casa per 20 minuti al giorno gli esercizi imparati durante le lezioni. Gli esperti hanno quindi analizzato i singoli pazienti dopo 6 e 12 settimane, e dopo 6 mesi.

GLI ESERCIZI – Sia le lezioni di yoga che quelle di stretching seguite dai partecipanti dello studio sono state focalizzate sul torso e sulle gambe. Lo yoga utilizzato nello studio, chiamato viniyoga, consente di adattare i principi di questa disciplina a ogni individuo e condizione fisica, permettendo modifiche nel caso di persone con limitazioni fisiche. Durante le lezioni i partecipanti hanno eseguito anche esercizi di respirazione, con un momento di rilassamento profondo al termine di ogni sessione. Durante le lezioni di stretching sono stati, invece, proposti 15 diversi esercizi, compresi esercizi per i tendini e per i flessori e i rotatori dell’anca: ogni posizione andava mantenuta per un minuto e ripetuta una volta. Ogni singola lezione prevedeva inoltre anche esercizi di rafforzamento.

ANALOGIA TRA YOGA E STRETCHING – «I risultati che abbiamo ottenuto ci hanno sorpreso inizialmente perché ci aspettavamo che lo yoga fosse più efficace dello stretching per alleviare il mal di schiena – riferisce Karen Sherman, ricercatrice del Group Health Research Institute di Seattle nonché coordinatrice dello studio -. L’interpretazione più immediata dei nostri risultati potrebbe essere nel fatto che lo yoga esercita i suoi effetti benefici sulla funzionalità della colonna vertebrale e sul dolore alla schiena agendo soprattutto sul fronte fisico, grazie allo stretching e al rafforzamento muscolare». A posteriori i ricercatori hanno realizzato che le lezioni di stretching avevano caratteristiche in comune molto più con lo yoga rispetto ad altre tipologie di esercizio: si sono quindi resi conto che in qualche modo avevano confrontato due discipline con molte somiglianze. «I nostri risultati suggeriscono che sia lo yoga sia lo stretching possono rappresentare un’opzione valida e sicura per chi vuole provare ad alleviare il proprio mal di schiena con l’esercizio fisico – fa notare la ricercatrice -. Tuttavia mi preme sottolineare che le lezioni dovrebbero avere un orientamento terapeutico ed essere graduate per i principianti; non solo gli istruttori dovrebbero essere in grado di modificare le posture in relazioni alle limitazione fisiche dei singoli partecipanti». Insomma via libera a yoga e stretching ma con il «personal trainer».

Antonella Sparvoli
25 ottobre 2011(ultima modifica: 02 novembre 2011 14:03)

da Corriere Salute

MILANO - Se soffrite spesso di mal di schiena potreste trovare un valido alleato nello yoga. I suoi fan ne decantano da tempo gli effetti benefici per la colonna vertebrale (e non solo), ma solo ora arriva la conferma dal più ampio studio condotto fino ad ora sul tema. La ricerca, appena pubblicata sulla rivistaArchives of Internal Medicine, è stata condotta su più di 200 adulti afflitti cronicamente da un mal di schiena moderato, seguiti per sei mesi.

GLI EFFETTI DELLO YOGA – L’antica disciplina orientale si è rivelata in grado non solo di migliorare la funzionalità della schiena, ma anche di ridurre i dolori e il ricorso ai farmaci antidolorifici con benefici evidenti anche a lungo termine (sei mesi) in nove pazienti su dieci. A sorpresa gli effetti benefici dello yoga si sono rivelati per molti aspetti, simili a quelli ottenibili praticando lezioni di stretching. Gli autori dello studio sono giunti a queste conclusioni confrontando tre diversi approcci: ad alcuni pazienti è stato dato del materiale informativo per l’autogestione del mal di schiena (The back pain handbook), un altro gruppo ha seguito una lezione di yoga da 75 minuti a settimana per 12 settimane e il terzo gruppo ha seguito con le stesse modalità sessioni di stretching. Tutti i partecipanti sono stati inoltre incoraggiati a praticare in autonomia a casa per 20 minuti al giorno gli esercizi imparati durante le lezioni. Gli esperti hanno quindi analizzato i singoli pazienti dopo 6 e 12 settimane, e dopo 6 mesi.

GLI ESERCIZI – Sia le lezioni di yoga che quelle di stretching seguite dai partecipanti dello studio sono state focalizzate sul torso e sulle gambe. Lo yoga utilizzato nello studio, chiamato viniyoga, consente di adattare i principi di questa disciplina a ogni individuo e condizione fisica, permettendo modifiche nel caso di persone con limitazioni fisiche. Durante le lezioni i partecipanti hanno eseguito anche esercizi di respirazione, con un momento di rilassamento profondo al termine di ogni sessione. Durante le lezioni di stretching sono stati, invece, proposti 15 diversi esercizi, compresi esercizi per i tendini e per i flessori e i rotatori dell’anca: ogni posizione andava mantenuta per un minuto e ripetuta una volta. Ogni singola lezione prevedeva inoltre anche esercizi di rafforzamento.

ANALOGIA TRA YOGA E STRETCHING – «I risultati che abbiamo ottenuto ci hanno sorpreso inizialmente perché ci aspettavamo che lo yoga fosse più efficace dello stretching per alleviare il mal di schiena – riferisce Karen Sherman, ricercatrice del Group Health Research Institute di Seattle nonché coordinatrice dello studio -. L’interpretazione più immediata dei nostri risultati potrebbe essere nel fatto che lo yoga esercita i suoi effetti benefici sulla funzionalità della colonna vertebrale e sul dolore alla schiena agendo soprattutto sul fronte fisico, grazie allo stretching e al rafforzamento muscolare». A posteriori i ricercatori hanno realizzato che le lezioni di stretching avevano caratteristiche in comune molto più con lo yoga rispetto ad altre tipologie di esercizio: si sono quindi resi conto che in qualche modo avevano confrontato due discipline con molte somiglianze. «I nostri risultati suggeriscono che sia lo yoga sia lo stretching possono rappresentare un’opzione valida e sicura per chi vuole provare ad alleviare il proprio mal di schiena con l’esercizio fisico – fa notare la ricercatrice -. Tuttavia mi preme sottolineare che le lezioni dovrebbero avere un orientamento terapeutico ed essere graduate per i principianti; non solo gli istruttori dovrebbero essere in grado di modificare le posture in relazioni alle limitazione fisiche dei singoli partecipanti». Insomma via libera a yoga e stretching ma con il «personal trainer».

Antonella Sparvoli
25 ottobre 2011(ultima modifica: 02 novembre 2011 14:03)

da Corriere Salute

contatto rapido

contatto rapido - MALATTIE REUMATICHE

forum reum-amici

contatto rapido - MALATTIE REUMATICHE

SEZIONE A.I.R.A. CATANIA E SICILIA

contatto rapido - MALATTIE REUMATICHE

A.I.R.A. O.n.l.u.s. Facebook

contatto rapido - MALATTIE REUMATICHE

A.I.R.A. O.n.l.u.s. Twitter

Link

Link - MALATTIE REUMATICHE

CONVENZIONI A.I.R.A. O.n.l.u.s.

Link - MALATTIE REUMATICHE

Giornalino A.I.R.A. O.n.l.u.s. 2017

Link - MALATTIE REUMATICHE

CONTATORE QUOTA DISPONIBILE: Euro 7.500,00

Link - MALATTIE REUMATICHE

IL MEDICO RISPONDE

Link - MALATTIE REUMATICHE

A.I.R.A. O.n.l.u.s. aderisce a CnAMC