MALATTIE REUMATICHE ASSOCIAZIONE ITALIANA REUM AMICI presenta: L'Artrite Reumatoide e le Malattie Reumatiche
Home » Ultime dal web » IN UFFICIO NON CONVIENE IL PRESENTEISMO DI CHI E’ MALATO.

Ultime dal web

IN UFFICIO NON CONVIENE IL PRESENTEISMO DI CHI E’ MALATO.

IN UFFICIO NON CONVIENE IL PRESENTEISMO DI CHI E’ MALATO. - MALATTIE REUMATICHE

MILANO - In Europa sono più di 40 milioni i lavoratori afflitti da malattie muscoloscheletriche, con un costo annuale per i Paesi europei di ben 240 miliardi di euro. A puntare il dito sul problema è Stephen Bevan, copresidente di Fit for Work Europe, una coalizione che ha lo scopo di creare un punto di incontro tra medici, malati, associazioni, politici e rappresentanti delle istituzioni per favorire una migliore gestione delle patologie muscoloscheletriche a livello continentale. «Lavorare nelle migliori condizioni possibili fa bene alla salute e al benessere, del singolo e della società — ha sottolineato Bevan durante l’ultimo congresso dell'European League Against Rheumatism —. Ecco perché pensiamo che il lavoro dovrebbe rientrare tra le priorità "cliniche" per il paziente. Per centrare questo obiettivo è fondamentale un intervento precoce: piccoli cambiamenti nell’organizzazione del lavoro potrebbero consentire alle persone con malattie muscoloscheletriche, come l'artrite reumatoide, le spondiloartriti e il mal di schiena cronico, di non rinunciare alla carriera, e alle aziende di non perdere una fetta della loro produttività».

 


MALATI CRONICI - Tanto per avere un'idea di come queste patologie possano avere un impatto negativo sulla vita lavorativa basta citare il caso dell'artrite reumatoide. Studi recenti mostrano che almeno 1 soggetto su 5 smette di lavorare entro 5 anni dalla diagnosi e chi, invece, resta al lavoro ha inevitabilmente una minore produttività, stimata in circa 40 giorni persi l'anno a lavoratore. «Per i malati cronici come questi il problema spesso è proprio quello della presenza sul lavoro con una ridotta produttività — ha rinforzato Sean Sullivan, presidente dello statunitense Institute of Health and Productivity Management in occasione del simposio —. Quello che noi chiamiamo "presenteismo": un fenomeno che porta i soggetti colpiti da una malattia cronica a presentarsi al lavoro nonostante i dolori e gli altri disagi, fisici e psicologici, legati alle proprie condizioni. Ma la presenza sul lavoro con una ridotta produttività potrebbe essere contrastata. Da una ricerca condotta negli Usa è infatti emerso che il costo reale per un'azienda dovuto a lavoratori malati cronici che non possono produrre appieno è 2-3 volte più alto dei costi di interventi mirati e precoci per migliorarne l'assistenza e le condizioni lavorative».



Antonella Sparvoli

 

CORRIERE REUMATOLOGIA

Privacy Policy