MALATTIE REUMATICHE ASSOCIAZIONE ITALIANA REUM AMICI presenta: L'Artrite Reumatoide e le Malattie Reumatiche
Home » Ultime dal web » MALATTIE REUMATICHE E FATTORI DI RISCHIO

Ultime dal web

MALATTIE REUMATICHE E FATTORI DI RISCHIO

MALATTIE REUMATICHE E FATTORI DI RISCHIO - MALATTIE REUMATICHE

Colpiscono oltre cinque milioni di persone nel nostro Paese. Ma delle malattie reumatiche gli italiani sanno poco e niente: metà della popolazione non sa che è possibile prevenirle e circa il 70% ritiene che le principali cause siano il clima (freddo e umido) e l'invecchiamento. Questi, almeno, sono i risultati del primo sondaggio della campagna itinerante #ReumaDays, che la Società italiana di reumatologia (Sir) ha svolto a Rimini durante il suo congresso nazionale. La campagna è stata presentata oggi al Ministero della Salute a Roma e coinvolgerà altre dieci città italiane nel corso di quest'anno. Dal sondaggio, inoltre, è emerso che solamente la metà delle 2mila persone che hanno incontrato gli esperti della Sir nel capoluogo romagnolo ha correttamente indicato tra i fattori di rischio gli stili di vita scorretti come l’eccesso di peso, il fumo e la sedentarietà e che nove su dieci vorrebbe ricevere maggiori informazioni e notizie dagli esperti.

·LA PREVENZIONE
"Durante la campagna itinerante insegniamo gli stili di vita sani e i campanelli d’allarme da tenere sotto controllo", spiega Mauro Galeazzi, presidente nazionale Sir. L’obiettivo è, infatti, quello di diffondere conoscenza e consapevolezza sulle oltre 150 malattie reumatiche, che vanno da quelle a base infiammatoria come le artriti, il lupus eritematoso sistemico e la sclerodermia, a quelle degenerative come l'artrosi, fino a disturbi metabolici come la gotta. "Solo l’artrite e l’artrosi interessano il 16% degli italiani mentre l’osteoporosi il 7,6%", precisa Galeazzi. Se non vengono curate in modo adeguato e tempestivo, evidenzia l'esperto, possono compromettere seriamente la qualità della vita e diventa quindi di primaria importanza la prevenzione. "Vanno seguite scrupolosamente alcune regole a partire dal controllo del peso corporeo. Le sigarette devono essere eliminate perché, oltre a cancro e disturbi cardiovascolari, favoriscono  l’insorgenza di patologie autoimmuni sistemiche. Si calcola che, in una persona geneticamente predisposta, il fumo aumenta di ben 15 volte il rischio di artrite reumatoide”.

·I CAMPANELLI D’ALLARME
I risultati della prima tappa della campagna #ReumaDays sono la riprova della necessità di promuovere informazione ed educazione tra i cittadini attraverso incontri con medici ed esperti. Gli specialisti della Sir saranno a disposizione in altre 10 città italiane per spiegare come cercare di prevenire queste patologie, con incontri, questionari, distribuzione di materiale informativo (tra cui l’opuscolo “Come prevenire e affrontare le malattie reumatiche”, realizzato da Sir). "Insegneremo agli italiani come riconoscere i più evidenti segnali specifici - precisa Luigi di Matteo, vice presidente della Sir - dolori articolari e muscolari persistenti, stancabilità, rigidità osteoarticolare e lombalgia, mani fredde, secchezza oculare, sono sintomi che contraddistinguono i disturbi reumatici. Chi ne soffre deve quindi rivolgersi tempestivamente a uno specialista reumatologo. Oggi abbiamo a disposizione terapie con le quali possiamo garantire la remissione della patologia e quindi un ritorno a una vita normale. Tuttavia, in ancora troppi casi siamo costretti a intervenire quando è già tardi e le cure risultano così meno efficaci".

 

Fonte www.repubblica.it

Privacy Policy