MALATTIE REUMATICHE ASSOCIAZIONE ITALIANA REUM AMICI presenta: L'Artrite Reumatoide e le Malattie Reumatiche
Home » Ultime dal web » MALATTIE REUMATICHE, POCHE CURE IN INGHILTERRA. MEGLIO IN ITALIA

Ultime dal web

MALATTIE REUMATICHE, POCHE CURE IN INGHILTERRA. MEGLIO IN ITALIA

Oltremanica un servizio medico di base su cinque non offre diagnosi e terapie adeguate
MILANO - Meglio non ammalarsi di artrite in Inghilterra. Si rischia di restare senza terapie: lo ha denunciato l'Arthritis and Musculoskeletal Alliance (ARMA), l'organizzazione che riunisce le 36 associazioni inglesi che si occupano di patologie reumatiche e osteoarticolari.

INDAGINE – Secondo un'indagine dell'ARMA, un «Primary Care Trust» su cinque non garantisce agli assistiti le diagnosi e le terapie indicate come necessarie dalle linee guida e anche dai piani del Governo. I Trusts sono strutture di primo accesso alle cure di base per i cittadini d'oltremanica, qualcosa di vagamente simile alle nostre Aziende Sanitarie Locali: in Inghilterra il 45 per cento di questi Trusts non definisce le artriti come malattie a lungo termine, tanto per far capire l'importanza data alle patologie reumatiche a Londra e dintorni. Non basta: stando ai dati raccolti nel rapporto, fra una circoscrizione e l'altra c'è un enorme differenza di spesa in materia di malattie muscoloscheletriche (si va ad esempio dalle 100 sterline a testa di Lewisham alle 1400 del Western Cheshire). L'ARMA grida allo scandalo, perché stando così le cose milioni di cittadini inglesi rischiano di restare senza diagnosi e terapie appropriate.

ITALIA - «Questa situazione non mi sorprende – commenta Ovidio Brignoli, vicepresidente della Società Italiana di Medicina Generale –. Il Servizio Sanitario inglese sta vivendo un momento di crisi profonda: la contrazione economica è tale per cui in effetti non è raro, in quel Paese, vedersi negare le cure. Da noi tutto questo non è accaduto e non mi pare possa accadere: è difficile che i malati vengano esclusi dalle terapie. Anzi, semmai mi pare che in certi casi il problema sia perfino il contrario: non ci serve un razionamento della spesa, come quello in atto in Inghilterra, ma una razionalizzazione e un sistema di controllo efficace sì, visto che più che volentieri si prescrivono esami a iosa e si spende con la manica fin troppo larga». Non ci sono grossi rischi di restare senza cure in Italia quindi, ma qualche preoccupazione i pazienti la esprimono comunque: «Il Rapporto del CENSIS del 2008 dice che occorrono 18 mesi per arrivare alla diagnosi di malattie reumatiche – interviene Antonella Celano, presidente dell'Associazione Nazionale Malati Reumatici (ANMAR) –. Qualcosa che non funziona, insomma, c'è pure da noi: il punto critico è soprattutto il riconoscimento precoce dei sintomi e l'invio allo specialista giusto da parte del medico di base. Le cui difficoltà sono più che comprensibili: non può essere onnisciente, in più si trova con la scrivania piena di carte e le Regioni che comunque chiedono di contenere i costi: lavorare così non è semplice per nessuno. Però richiamare l'attenzione di tutti sull'importanza di individuare tempestivamente i segni delle malattie reumatiche non è mai fiato sprecato».

Elena Meli
31 luglio 2009

da Corriere Salute
Privacy Policy